VESCICA ED INCONTINENZA URINARIA: IL VALORE DELLE EMOZIONI


VESCICA ED INCONTINENZA URINARIA: IL VALORE DELLE EMOZIONI
Nella medicina tradizionale cinese (mtc) , dove ogni organo è connesso al suo viscere accoppiato, la vescica urinaria è strettamente correlata al rene.
Premettendo che gli organi e i visceri in  mtc non sono da intendersi come li intendiamo nella medicina convenzionale ma a livello energetico… andiamo a scoprire a quali emozioni sono connessi il rene e la vescica.
Nella medicina olistica il sintomo è il segno che c’ è uno scompenso nel corpo sul piano materiale appunto. Ma prima che il segno si manifesti sono le emozioni a scompensarsi in principio, l’ emozione con la sua carica vibrazionale, energetica si manifesta poi nel corpo.
Il sintomo dunque è solo la punta di un iceberg… rimuovere la punta non ne estirperà la radice…
Dunque, la vescica urinaria come detto in precedenza è connessa al rene… in medicina cinese ogni organo è connesso ad un emozione. Il rene in particolare alla PAURA.
Ed in effetti se ci pensiamo un attimo, uno shock, un forte spavento cosa possono causare nel corpo? avete mai sentito l’ espressione :”… mi sono fatto la pipì sotto dalla paura…”?
Ecco appunto l’ incontinenza urinaria nella visione olistica può essere il risultato di uno shock, una forte paura, un trauma non superato. Come anche significare scarsa gioia di vivere, bassa autostima, incapacità di portare a termine i propri compiti.
Il rene è anche l’ organo della volontà, tonficare il Qi (energia) di rene è importante anche per questo.
La vescica urinaria ha inoltre il compito di separare i liquidi puri dagli impuri per mandarli fuori dal corpo attraverso la minzione. Nella chiave di lettura olistica questo si traduce nel saper discernere, essere in grado di lasciare andare ciò che non serve più e trattenere ciò che serve.

L’ approccio terapeutico che è integrato e che alla base ha la riabilitazione del pavimento pelvico, gli esercizi di Kegel, ecc… non può mai prescindere anche dal trattare la sfera emotiva della donna.

Chiedere infatti da quando si è presentata l’ incontinenza, e soprattutto ascoltarla guardandola negli occhi è mia abitudine durante le sedute ambulatoriali. Si ottengono ottimi risultati affiancando ai trattamenti convenzionali quelli non convenzionali di medicina tradizionale cinese ed i fiori di Bach per il lavoro sulle emozioni…

Grazie per aver letto questo articolo!

Per maggiori info:

Dott.ssa Noemi Gugliotti MAYA SALUTE